Convegno IMSCogS, New York City 22-23 Giugno 2016. Da tutto il mondo attenzione all’area cognitiva e psicologica nella SM

Alcune considerazioni

In un periodo storico connotato da grandi difficoltà economiche, tensioni politiche, problemi di convivenza ed integrazione, terrorismo, muri e scissure in ambito europeo, si è tenuto a New York City il congresso della International Multiple Sclerosis Cognition Society – IMSCogS. L’IMSCogS è costituita da ricercatori e clinici di tutto il mondo interessati agli aspetti cognitivi ed alle aree ad essi correlate nella Sclerosi Multipla. In quanto membro della società, ho avuto il piacere e l’onore di partecipare al congresso presso il Word Trade Center, luogo evocativo e simbolico della Grande Mela. Dalla sala congresso la vista spaziava su Manhattan mentre l’attenzione era catturata dagli illustri speakers che si alternavano sul podio. Ralph Benedict, presidente della Società e John De Luca, tesoriere, hanno accolto i partecipanti con calore ed hanno dato il via ai lavori scientifici.

Le tematiche affrontate sono state molteplici e tutte di grande interesse. La prima parte dedicata alla modalità ed agli strumenti di valutazione delle funzioni cognitive, considerando sia gli strumenti neuropsicologici che i rilievi di neuroimaging, si è poi discusso circa i trattamenti di riabilitazione cognitiva ed alla loro evidenza di efficacia. A seguire ho avuto il piacere di moderare la sessione relativa alla Sclerosi Multipla pediatrica dove i relatori hanno posto l’attenzione sull’importanza della valutazione degli aspetti cognitivi e comportamentali e sulla possibilità di costruire al meglio la riserva cognitiva.

Il pomeriggio si è concluso con la piacevole “cena con l’esperto” dove il Prof. Feinstein ci ha intrattenuto circa gli effetti dei cannabinoidi sulle funzioni cognitive.

La seconda giornata è partita con interessanti spunti circa gli aspetti sociali, relativi alla qualità di vita ed all’impiego lavorativo, per concludersi con la sessione dedicata alla Sclerosi Multipla Progressiva, tematica di estrema importanza ed attualità, anche per l’interesse condiviso dalla MS Alliance, con attenzione sia agli aspetti valutativi che riabilitativi, sempre in ambito cognitivo.

E poi che dire…ci sono stati NYC e, soprattutto, i colleghi da tutto il mondo con i quali fa piacere condividere la passione per la ricerca e per il lavoro clinico relativo agli aspetti cognitivi e psicologici delle persone con Sclerosi Multipla. Torno carica, soddisfatta e piena di idee da concretizzare.

Milano, 30 giugno 2016

Monica Falautano